Esposto su morte operaio nel Casertano

Abbandonato, agonizzante, lo scorso 5 luglio, da un'automobile alla stazione di Caserta. Sul corpo estese scottature. Alcuni clochard lo notarono, chiamarono aiuto. Quel giorno Narinder Singh, indiano di etnia Sikh, fu ricoverato in ospedale dove è morto lo scorso 26 luglio. Ora si vuol far chiarezza sulla sua morte, si vuol capire se il suo sia stato un decesso naturale o se dietro ci sia, piuttosto, un caso di sfruttamento. Un esposto, a tal fine, è stato depositato alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) dal legale Giancarlo Pezzuti per conto della Flai-Cgil. Il "sospetto più che fondato - spiega Giovanni Mininni, segretario nazionale della Fial-Cgil - è che dietro la morte di Narinder vi possa essere una delle tante storie di sfruttamento lavorativo e di riduzione in schiavitù. Lo stesso Narinder, prima di morire, ha raccontato che lavorava presso un'azienda agricola e di allevamento di Castel Volturno".

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Isernia News
  2. Futuro Molise
  3. Isernia News
  4. Il Giornale del Molise
  5. Il Giornale del Molise

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Conca della Campania

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...